English version

Maile Ohye, programmatrice di Google, al SES di Toronto

Maile Ohye, sviluppatrice di Google, risponde alle domande del pubblico durante il keynote del SES (Search Engine Strategies) di Toronto.

Maile Ohye, programmatrice di Google Traduzione dell'articolo “Tell All Q&A With Google’s Maile Ohye – SES Toronto Keynote” scritto da Adam Singer l'11 giugno 2010 sul sito Toprankmarketing.com

Maile Ohye, sviluppatrice senior di Google (e coordinatrice del Centro risorse per Webmaster di Google, ndt), ha aperto il dibattito mattutino della due giorni del Search Engine Strategies di Toronto, in Canada. Maile ha raccontato di come Google voglia aiutare i webmaster ed ha risposto alle domande scottanti poste dal moderatore e dal pubblico.

L'incontro è stato del tipo Q&A (domande e risposte, ndt) e quella che segue è una sintesi delle migliori domande/risposte dalla sessione.

Come sei arrivata a lavorare per Google?
Ho studiato Informatica/Intelligenza artificiale al college. Successivamente mi sono dedicata all'Information Retrieval e quindi iscritta al Dipartimento della Difesa. Poi mi sono presa un po' di tempo libero e alla fine sono entrata in Google dove lavoro da 5 anni.

Con un aggiornamento precedente di Google, abbiamo sentito di alcuni siti web che hanno perso la prima posizione (dalla quale traevano 10 mila dollari al mese). La stessa cosa sembra stia accadendo con il nuovo aggiornamento di Mayday. Ci puoi spiegare esattamente cos'è questo Mayday?
Abbiamo variato piccole cose nel nostro algoritmo negli ultimi tempi. Mayday è un aggiornamento significativo che ha realmente inciso sulla long tail (coda lunga) dei termini. Un sacco di persone utilizzavano frasi lunghe per ottenere più traffico ma ciò veniva fatto spesso tramite metodi automatici. Abbiamo quindi cercato di eliminare lo spam e ciò è stata una nostra priorità importante. Allo stesso tempo, c'erano persone che producevano contenuti non di qualità (senza violare le nostre linee guida, ma comunque contenuti senza alcuna utilità). Adesso consideriamo esattamente queste query per quello che sono. Abbiamo intenzione di dare molta importanza all'utilità dei contenuti in quei risultati così come in tutte le ricerche.

Quindi, non si può semplicemente aggiungere una manciata di parole chiave in una pagina ed aspettarsi dei risultati solo facendo ciò. Questo tipo di aggiornamento è continuo ed è un nostro obiettivo. Tuttavia abbiamo anche altri progetti per continuare a generare traffico di grande importanza utilizzando la coda lunga.

Stai dicendo che le query stanno diventando più lunghe nella coda lunga dei termini?
Sì, la gente si è evoluta quando effettua delle ricerche. Con Google quando cerchi utilizzando più di 3 termini, lo snippet (quel breve riassunto visualizzato sotto il titolo della pagina nei risultati di una ricerca, ndt) aumenta di importanza man mano che la gente si aspetta di trovare query lunghe e noi vogliamo offrire un'esperienza migliore.

Qual è la differenza tra Mayday e Caffeine?
Mayday è un cambiamento puro di classificazione – voluto per cercare di rendere più pertinenti i risultati; Caffeine è un enorme cambiamento dell'infrastruttura. L'idea è che noi ora possiamo prendere il nostro intero indice ed aggiornarlo, documento per documento. Ciò ci permettere di avere quella scalabilità che prima non avevamo - ora possiamo ulteriormente ingrandirci e migliorarci. Ma la cosa più importante è che Caffeine è davvero fantastico poiché possiamo aggiungere più meta dati ad ogni singolo documento. In questo modo possiamo dare risalto più velocemente ad un documento per offrirlo agli utenti più esigenti.

Ci puoi parlare per un secondo degli snippet? Come faccio a decidere ciò che sarà presente al suo interno?
Molte persone, quando progettano un documento, non pensano a ciò che lo snippet mostrerà del loro documento. Ciò che inseriamo noi nello snippet è il contesto della parola chiave. Inoltre noi poniamo attenzione alla meta description: mettere una keyword nella meta description è una buona cosa poiché hai il controllo del tuo snippet. Il motivo per cui abbiamo utilizzato la meta description è perché la meta description è una delle poche aree nelle quali la gente non fa uso di spam. Vogliamo per dare una alternativa ai webmaster.

C'è un modo specifico con il quale le persone dovrebbero pensare quando creano un documento?
In generale è necessario avere una strategia nel tuo sito. Che tipologia di utenti vuoi attirare e qual è la tua call to action (cosa vuoi che facciano)? Quindi le tue pagine dovrebbero essere progettate per raggiungere questi obiettivi. Pensa al contenuto e disponilo in modo tale da ottenere delle conversioni. I titoli sono importanti per i motori di ricerca e il markup semantico è ancora buono. Mayday ha eliminato le informazioni che erano state generate in automatico o che non erano utili. Progetta ogni pagina pensando a ciò che desideri ottenere dagli utenti.

C'è un grande cambiamento nel mondo SEO. Prima tutti erano concentrati sempre sulle parole chiave e sugli algoritmi di posizionamento. Adesso si pensa al social. Come si inserisce il social all'interno delle ricerche?
Il modo di cercare è in evoluzione e quando viene personalizzato cerchiamo di offrire risultati sempre più unici. È per questo che la ricerca social è diventata importante per noi – è un argomento in espansione e che vogliamo approfondire. Per la ricerca social il modo di cercare è ottenuta dal grafo sociale della rete stratificata sopra il grafo di link. Ma la priorità dovrebbe essere quella di avere un grande sito web, solo dopo di spingerlo sui social media.

Cosa ci consiglieresti di fare per ottenere link migliori verso il nostro sito web?
Quando crei un sito web, ciò che conta di più è che sia unico e che abbia prodotti irresistibili o contenuti utili. Come differenziarsi dagli altri siti presenti nel web? I tuoi clienti ti linkeranno quando penseranno che il tuo sito è favoloso e ciò accadrà in modo spontaneo. Ma si possono anche cercare anche altri modi per ricevere link – non solo inviando email ai webmaster e chiedendo loro dei link nello stesso modo in cui tu vorresti espandere il tuo business – ma anche creando delle partnership e generando valore.

I link sono una grossa parte del nostro algoritmo di PageRank, la quale è un componente principale dei 100 elementi che lo compongono. I link hanno valore non solo per la loro quantità ma soprattutto per la loro qualità. Sappiamo riconoscere un link da un link base per ciò che di utile possa avere e valutiamo tutto ciò in maniera differente. Il tutto viene fatto algoritmicamente. Inoltre abbiamo anche una squadra di anti-spamming. Il solo fatto che tu abbia molti link non significa necessariamente che tu stia offrendo qualcosa di utile. Inserisci link di qualità, non di quantità.

È meglio prendere in considerazione i dati forniti dagli “Strumenti per i webmaster” di Google piuttosto che da tool di terze parti?
Con gli “Strumenti per i webmaster” vogliamo aiutare i webmaster ad orientarsi nell'ecosistema di Google. I dati forniti sono importanti solo per Google, e non per tutti i motori di ricerca. Il nostro obiettivo è dunque quello di mantenere l'ecosistema florido. Vogliamo aiutare i webmaster incuranti delle dimensioni del loro portafoglio. È uno strumento gratuito per loro, senza costi. Esistono però altri strumenti nella Rete che si dovrebbero esplorare, nonostante si apprezzino i nostri strumenti rilevanti solo per Google.

Perché, di recente, la velocità di sito è stata messa in evidenza?
Prima, la velocità di aggiornamento di un sito web era una delle nostre metriche - sappiamo infatti che le persone preferiscono i siti web più veloci. Noi troviamo che, anche quando il rallentamento risulta essere di solo mezzo secondo, i siti web sono cercati di meno. Quando abbiamo rimosso il ritardo, sono ritornati ma non allo stesso livello di prima (in realtà questo è stato un esperimento costoso). Questa era solo una causa della latenza. Abbiamo anche scoperto nei test che le conversioni aumenteranno con i siti che caricano più velocemente - è un aspetto molto importante del tuo sito web. Siti più veloci potrebbero potenzialmente scavalcarti.

Parlaci di Flash. Google ha realmente migliorato l'indicizzazione dei siti web in Flash?
Se hai un sito in Flash, non aspettarti che Google possa scansionarlo perfettamente – e questo vale anche per altri motori di ricerca. Non sarà di certo il sito web più accessibile... Tuttavia stiamo lavorando attivamente sulla tecnologia Flash ma ad oggi il nostro sistema non è ancora perfetto.

Cosa puoi dirci dei mini-siti? Sono una buona idea?
I mini-siti sono stati creati originariamente per dominare i risultati delle ricerche. All'inizio erano considerati come una tecnica di spam. Personalmente non li consiglio. Mayday ed aggiornamenti futuri sono solo alla ricerca di siti di qualità. Se vuoi dominare i risultati di una ricerca, potresti anche aggiungere dei video o delle immagini o altri dati nel tuo sito web. I mini-siti, invece, confondono gli utenti. Ci sono link che portano ad un altro sito che non è quello principale e sono difficili da gestire poiché sono tanti. Per l'utente è un'esperienza agghiacciante. Non penso che abbiano futuro nei motori di ricerca così come non l'hanno avuto in passato.

Cosa puoi raccontarci degli e-commerce che hanno tante pagine e sono pieni di prodotti? Siamo stati scavalcati da alcuni siti con pochi oggetti ma molte informazioni per ogni prodotto.
Questo è quello che ci si aspetterebbe da Mayday. I webmaster non devono preoccuparsi se i loro siti web hanno molti prodotti ma, al contrario, devono porre maggiore attenzione ai contenuti descrittivi. Gli utenti non vogliono vedere un contenuto composto solo da un titolo e da una fotografia. Ciò vuol dire creare contenuti unici per ogni pagina. Noi di Google scansioniamo ciò che vogliamo tenere nel nostro indice e per tanto indicizziamo ciò che gli utenti vogliono vedere nei risultati di ricerca. Quello che hai notato al tuo sito web avviene perché ci stiamo concentrando di più sulle pagine ricche di contenuti e meno sui siti che hanno tonnellate di pagine senza alcun valore. Se colleghi il contenuto e la struttura dei link, eseguiremo la scansione in meno tempo. Ma alla fine quello che conta è soprattutto il contenuto.



@darutigliano

Questa pagina è stata aperta 9887 volte.

Daniele Rutigliano

Amministratore della web agency Aproweb. Autore dei libri "E-commerce vincente" e "Magento" per Hoepli. È docente presso la School of Management dell'Università LUM e conta più di 500 ore di formazione in aula.
E-mail: rutigliano@aproweb.it
Segui Daniele Rutigliano su: Facebook | Twitter | Linkedin | Google+

↓ Richiedi informazioni ↓

Codice sicurezza:

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali (D. Lgs. 196/03)

Web agency certificata

Amazon Pay Partner agenzia
Web agency certificata Prestashop
Agenzia certificata Shopware
Agenzia Partner PayPal
Compatibilità Windows 10

Organizzatori ufficiali

Webecom: evento ecommerce nel sud Italia

Associata

Business Partner Netcomm
Agenzia Accreditata SonoSicuro AICEL
Associato Confindustria Bari e BAT

Canali social ufficiali